• Terre del Volturno I.G.T.

Aia Delle Monache

Solo due piccoli vigneti, due ettari e mezzo di terreno impiantati nei primi anni duemila con i vitigni autoctoni casertani Pallagrello Bianco, Pallagrello Nero e Casavecchia.

Le vigne, attraversando primi strati di suolo sabbioso/argilloso mediamente pesante, oggi sono arrivate a poggiare le proprie radici sulle arenarie di Caiazzo.

Guardano da un lato, verso nord, il massiccio del Matese e dall’altro, verso sud-est, il monte Taburno e il Sannio.

La strada che conduce al Convento degli Angeli segna il confine tra la vigna di Ruviano, a 280 m s.l.m. esposta a nord e coltivata a Pallagrello Bianco, e quella di Castel Campagnano, a 260 m s.l.m. esposta a sud-est e coltivata con tutte le tre varietà di uve.

Le vigne sono tutte a spalliera con una densità media di 5.000 ceppi ad ettaro ed allevate a Guyot.

Dalla vendemmia 2018, poi, siamo riusciti a vinificare il frutto di poco più di mezzo ettaro di Asprinio coltivato con il sistema delle “alberate aversane”, per ottenerne un vino frizzante non chiarificato e non filtrato, integro sui suoi lieviti.

vini presentati

  • Terre del Volturno I.G.T.

Bianco | 2022

Aia delle Monache

La nostra espressione fresca e giovane del Pallagrello Bianco. Ottenuto dalla vinificazione delle uve del vigneto di proprietà situato nella zona collinare di Castel Campagnano, condotto con tecniche agronomiche rispettose dell’ambiente.

  • Terre del Volturno I.G.T.

Rosso | 2019

Aia delle Monache

È la nostra interpretazione del Casavecchia così come lo abbiamo sempre immaginato, un vino di particolare espressione gastronomica e conviviale.
Le uve provengono dalla parte più alta del vigneto di proprietà nel Comune di Castel Campagnano, condotto con tecniche agronomiche rispettose dell’ambiente.

  • Terre del Volturno I.G.T.

Bianco | 2021

Aia delle Monache

Vino frizzante integrale rifermentato in bottiglia, senza aggiunta di lieviti, solfiti e zuccheri, non filtrato e non sboccato: si presenta quindi integro sui propri lieviti naturali,
velato e non perfettamente limpido, adatto a latticini freschi o a crudi di pesce,
da bere nelle sere d’estate in riva al mare.

Iniziativa realizzata con il contributo del MASAF DGPQAI DD. N. 302355 del 07.07.2022 (contributi per azioni di informazione e promozione prodotti vitivinicoli) CUP J88H22001270008