• Terre del Volturno I.G.T.

Terre dell’angelo società agricola a RL

Terre dell’Angelo è un progetto che unisce idee e professioni per promuovere, in chiave innovativa, cultura, economia agraria e tipicità enogastronomiche nell’ambito delle terre sannite abbracciate dal Matese e legate dall’antico culto micaelico.

L’impresa, costituita nel 2016 per volontà di un gruppo di giovani originari delle terre matesine, è nata dall’osservazione di un territorio dall’inconsueta varietà climatica e paesaggistica oltre che faunistica, floreale, artistica ed umana.

E’ stato così che i fondatori hanno deciso di valorizzare queste risorse incanalandole sul versante agrario. L’azienda produce olio dalla varietà autoctona Tonda del Matese e vino dalle varietà autoctone di uve Pallagrello e Casavecchia.

vini presentati

  • Terre del Volturno I.G.T.

Rosso | 2021

Terre dell'angelo

L’Arca è il Casavecchia di Terre dell’Angelo ottenuto dalla lavorazione delle uve a bacca rossa dell’omonimo vitigno sulle cui origini si hanno poche notizie.

L’Arca è il primo Casavecchia ad essere prodotto alle pendici del Matese e lontano dalla sua zona di origine. Terre dell’Angelo vuole interpretarlo in chiave moderna con lo scopo di ottenere un prodotto che – anche grazie alla elevata attitudine all’invecchiamento – ne esalti l’equilibrio, l’eleganza ed esprima al meglio il territorio da cui proviene.

Le uve raccolte vengono portate immediatamente in cantina dove vengono diraspate e sottoposte a pigiatura soffice. Macerano per 7 giorni con leggeri rimontaggi quotidiani. Dopo la svinatura il processo di vinificazione prosegue con la fermentazione malolattica in acciaio mentre l’affinamento avviene per 9 mesi in anfora di terracotta e per ulteriori 6-8 mesi in bottiglia.

Al naso dominano i sentori fruttati, ben riconoscibili le note delle amarene, delle ciliegie e delle more; segue un delicato profumo floreale.

Al palato è morbido, fresco e sapido. Un vino persistente e dal corpo pieno.

Ottimo in abbinamento alle carni rosse, si sposa perfettamente anche con una grigliata mista e formaggi stagionati.

  • Terre del Volturno I.G.T.

Rosso | 2019

Terre dell'angelo

Il Tempo è il Pallagrello di Terre dell’Angelo ottenuto dalla lavorazione delle uve a bacca rossa dell’omonimo vitigno tanto amato da Re Ferdinando IV di Borbone.

Le uve raccolte vengono portate immediatamente in cantina dove vengono diraspate e sottoposte a pigiatura. Macerano per 7 giorni con leggeri rimontaggi quotidiani e 2 délestage per favorire i fenomeni di estrazione delle sostanze nobili contenute nella pelle dell’acino. Dopo la svinatura il processo di vinificazione prosegue con la fermentazione malolattica in acciaio mentre l’affinamento avviene per 9 mesi in anfora e per ulteriori 10 mesi in bottiglia.

Al naso esprime tanto frutto a bacca rossa matura (ciliegia e lampone) susseguito da confettura di mora. Leggera nota di pepe bianco e erbe aromatiche sul finale.

Al palato è caldo, ben strutturato ed equilibrato. Il tannino è presente, ma non invasivo. Buona freschezza e lunga persistenza che richiama le erbe aromatiche e la mora in confettura.

Ottimo in abbinamento a secondi piatti di carne rossa, si sposa molto bene con il coniglio in umido, particolarmente indicato su formaggi stagionati, ma è da provare con la polenta al sugo di cacciagione.

  • Terre del Volturno I.G.T.

Bianco | 2021

Terre dell'angelo

La Volta è il Pallagrello Bianco di Terre dell’Angelo ottenuto dalla lavorazione delle uve a bacca bianca dall’omonimo vitigno.

Le uve, raccolte e pigiate, macerano per almeno 3 giorni con leggeri rimontaggi quotidiani. Dopo la svinatura, il processo di vinificazione prosegue con la fermentazione malolattica in acciaio mentre l’affinamento avviene per 7 mesi in acciaio e anfora e per ulteriori 2 mesi in bottiglia.

Come si presenta… all’olfatto
Profumi di ginestra, iris, e frutta a polpa bianca: pesca bianca e pera williams.
Note di fiori di campo, erbe officinali. E iodio, chicchi di sale e tanta mineralità

Al palato
In bocca presenta una eccellente freschezza e sapidità. Ottime sono la persistenza e la rispondenza gusto-olfattiva. Piacevole il chiamo alle erbe officinali ma è proprio questo sorso quasi “salato” che ti invoglia a berlo e berlo di nuovo.

Abbinamenti
Formaggi stagionati, secondi di carne bianca, secondi di pesce

Iniziativa realizzata con il contributo del MASAF DGPQAI DD. N. 302355 del 07.07.2022 (contributi per azioni di informazione e promozione prodotti vitivinicoli) CUP J88H22001270008